5 suggerimenti per ottimizzare il tuo crawl budget

google-web-crawler budget

Il Google boot e un programma che ogni giorno fa la scansione delle pagine del tuo sito per vedere cosa è cambiato o aggiunto. Google ogni giorno da un castelletto di tempo che ti dedica chiamato crawl budget.

Gli esperti di marketing hanno così tante attività diverse da svolgere per l’ottimizzazione del crawl budget di scansione è spesso trascurata.

In breve, il crawl budget di scansione può e deve essere ottimizzato per il tuo SEO .

Qual è il crawl budget di ricerca per indicizzazione SEO

crawl budgetIl crawl budget di ricerca per indicizzazione è semplicemente la frequenza con cui i robot dei motori di ricerca eseguono la scansione delle pagine del tuo dominio.

Questa frequenza è concettualizzata come un equilibrio tra i tentativi di Google Bot di non sovraccaricare il tuo server e la necessità che Google Bot esegua la scansione del tuo sito per fornire sempre informazioni aggiornate.

L’ottimizzazione del budget di ricerca per indicizzazione è solo una serie di passaggi che è possibile eseguire per aumentare la velocità con cui i robot dei motori di ricerca visitano le tue pagine e aumentare anche il numero di pagine del crawler ogni giorno.

Più robot visitano il tuo sito, più velocemente accedono all’indice e le pagine verranno aggiornate. (e classificazione)

Di conseguenza, i tuoi sforzi di ottimizzazione impiegheranno meno tempo per impostare e iniziare a influenzare la tua classifica.

Come ottimizzare semplicemente il crawl budget di scansione

Ora esamineremo 5 tecniche per ottimizzare il budget di scansione.

1. Consenti la scansione delle tue pagine nel file robots.txt

Questo è un primo passo ovvio e naturale, il più importante.

Il file robots.txt può essere gestito manualmente o utilizzando uno strumento di controllo del sito Web come Yoast SEO.

Preferisco usare uno strumento ogni volta che è possibile. Questo è uno dei casi in cui uno strumento è semplicemente più pratico e più efficiente.

Aggiungi semplicemente il tuo file robots.txt allo strumento di tua scelta che ti consentirà di autorizzare / bloccare l’esplorazione di una pagina nel tuo dominio in pochi secondi.

2. Errori HTTP

Per dirla semplicemente, le pagine 404 e 410 sono negative per il tuo budget di scansione.

E per di più, la tua UX sarà molto influenzata.

Questo è esattamente il motivo per cui correggere gli errori 4xx e 5xx è davvero una situazione vantaggiosa per tutti.

In questo caso, ancora una volta, ti consiglio di passare attraverso uno strumento di audit SEO, specializzato nella referenziazione naturale .

3. Fai attenzione a link di reindirizzamento 301

Ti consigliamo di evitare i 301 il più possibile troppi i link di reindirizzamento che incidono brutalmente sul crawl budget budget e sulla salute del tuo riferimento naturale.

Perché?

Semplicemente perché Google potrebbe interrompere la scansione del tuo sito per questo motivo e non indicizzare bene la pagina desiderata.

4. Aggiorna il tuo sitemap.xml

Ancora una volta, è davvero vantaggioso prendersi cura della propria Sitemap XML.

I bot di Google troveranno molto più facile trovare tutti gli URL da indicizzare e non sprecheranno soldi a scansione su pagine inutili.

Utilizza solo URL canonici per la tua Sitemap.

5. Analisi dei log

Un passaggio che sembra tecnico ma che negli ultimi anni è diventato più democratico grazie a strumenti come Seolyzer  ti consente di capire come Google esegue la scansione del tuo sito.

Ad esempio, puoi vedere il numero di hit al giorno e al mese su ciascuna delle tue pagine.

Rileverai anche pagine che non ti sono note e che sono comunque sottoposte a scansione da Google e che pertanto sprecano il tuo budget di scansione.

Puoi bloccare la scansione su queste pagine e ottimizzare le spese del tuo budget basta mettere no index!

Share:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn
On Key

Related Posts

wordpress

Cosa è WordPress e perchè usarlo

WordPress è il content manager -cms- più utilizzato su Internet, uno strumento che permette di gestire tutte le pagine di un sito web o di un blog. Non solo è il più utilizzato dagli sviluppatori, ma anche da professionisti ed aziende che possono creare e gestire il proprio sito con semplicità ed efficienza. WordPress è una piattaforma di editoria

google-web-crawler budget

5 suggerimenti per ottimizzare il tuo crawl budget

Il Google boot e un programma che ogni giorno fa la scansione delle pagine del tuo sito per vedere cosa è cambiato o aggiunto. Google ogni giorno da un castelletto di tempo che ti dedica chiamato crawl budget. Gli esperti di marketing hanno così tante attività diverse da svolgere per l’ottimizzazione del crawl budget di

commenti spam

Bloccare commenti spam WordPress.

Come bloccare i commenti spam su WordPress. Come bloccare i commenti spam per un sito WordPress – Hai mai adottato strategie specifiche per proteggere il tuo sito dallo SPAM? Se ne sei mai stato vittima, sicuramente saprai quanto sono fastidiosi e difficili da gestire commenti ed email indesiderate. Purtroppo i commenti di spam restano un problema

Follow-NoFollow

WordPress: gestire il dofollow e il nofollow dei commenti

doFollow e il nofollow sui vostri articoli Molti blogger, per incoraggiare i propri lettori a commentare, impostano in automatico il dofollow ai commenti. L’attributo dofollow indica agli spider bot che l’URL indicata deve essere seguita e indicizzata, mentre l’attributo nofollow blocca lo spider e gli dice di non seguire l’URL. Poichè molti utenti riportano a

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi