Scrivere su internet: le regole d’oro da non dimenticare mai

Scrivere su internet

Scrivere su internet: poche regole semplici per creare buoni contenuti

Scrivere su internetScrivere su internet è un’attività complessa, che richiede tecniche e accorgimenti: anche se tutti possono creare un blog, pubblicare un annuncio o una recensione, aprire un piccolo spazio ecommerce, sono ancora pochi quelli che riescono a farlo bene. Seguire delle piccole regole d’oro per la creazione dei nostri contenuti scritti può senza dubbio aiutarci a sfruttare al meglio le straordinarie potenzialità che il web ci offre.

Scrivere online

Usa l’italiano! Sembra superfluo sottolinearlo, ma la prima regola dovrebbe essere proprio quella di conoscere la lingua in cui si scrive. Molti degli articoli che ogni giorni ci capita di trovare sul web, anche quando sono sicuramente scritti in modo perfetto in ottica SEO (sono fatti, cioè, per piacere ai motori di ricerca), spesso sono da mani nei capelli per quanto riguarda grammatica e ortografia. Nessuno chiede che i contenuti di un sito vengano scritti da Manzoni o Pavese, ma un minimo di correttezza stilistica ci vuole. Prima di scrivere un post, meglio passare un po’ di tempo a leggere un buon libro (anche in formato ebook), tanto per capire che la forma non va mai dimenticata.

Parla di cose che conosci. Su internet possiamo trovare tutto e il contrario di tutto. Possiamo incappare nel blog di un docente universitario o in quello di una casalinga disperata, e vedere che in entrambi i casi si parla di uno stesso tema, trattato però in maniere piuttosto differenti, ovviamente. Gli sforzi dei motori di ricerca, negli ultimi anni, si sono concentrati molto sul problema delle fonti, della credibilità e dell’affidabilità di un contenuto (si pensi all’importanza crescente di Google Authorship). Per scrivere su internet un buon contenuto prenditi tempo, studia, approfondisci, fatti una scaletta, trova riferimenti precisi (se devi citare, cita il blog del professore e non quello della casalinga…). Il sito non scappa, anche se impieghi un giorno in più per migliorare il tuo pezzo, non succede nulla: anzi, gli utenti premieranno sicuramente i tuoi sforzi con più visite, più condivisioni, più commenti. Ne vale davvero la pena.

Rivolgiti al tuo target di riferimento. Chi dovrebbe leggere i tuoi post? Come pensi che gli utenti possano arrivare a te? Cosa vuoi ottenere con il tuo contenuto (visite, vendite, registrazioni, ecc.)? Se non sai rispondere a queste domande, meglio non accendere neanche il computer. A un click da te ci sono migliaia di concorrenti in grado di conquistare i tuoi lettori potenziali: arriva per primo coinvolgendoli, appassionandoli, emozionandoli. Conosci i tuoi lettori per dar loro la soddisfazione che cercano, altrimenti lo farà qualcun altro.

Aiuta la lettura: uno schermo non è un libro. Gli studi sulla curva dell’attenzione e i focus di lettura insegnano: per essere letto, devi aiutare gli altri a leggerti. Dividi il testo in paragrafi, usa bene il grassetto per evidenziare i passaggi che ritieni più importanti, usa gli elenchi puntati e numerati, gestisci gli spazi bianchi: non appesantire lo schermo con blocchi di testo in cui è difficile districarsi sin dal primo sguardo. Se serve, utilizza altri colori oltre al nero: questo renderà più accattivanti le tue pagine e focalizzerà l’attenzione del lettore dove vuoi tu da subito. Cerca il più possibile di evitare le parole in corsivo e sottolineate: appesantiscono la lettura.

Non solo parole: immagini, video, grafici, ecc. Prima di sprecare tempo a scrivere su internet post lunghissimi e ridondanti, ricorda che spesso un’immagine vale più di mille parole. Trova sul web le foto che fanno al caso tuo, ed usale. Youtube è inoltre un miniera di informazioni e contenuti su tutto lo scibile umano: qualcun altro si è già preso la briga di fare un video, montarlo e caricarlo per te, perché non sfruttare questa occasione? Se i concetti che esprimi ti sembrano complessi, disegna una bella infografica di accompagnamento: il web è pieno di strumenti gratuiti per farne una (Infogr.am, Visual.ly, Creately, e molti altri).

Al netto di tutto: scrivi. Confermo tutti gli accorgimenti e le regole che ho appena scritto, ma una li sovrasta tutti: continua a scrivere!!! Solo la pratica, infatti, può aiutarti a scrivere bene su internet, a prendere confidenza, ad imparare dai tuoi errori. Se non cominci mai a scrivere, non riuscirai mai a farlo bene.

Quali altre regole d’oro per scrivere su internet vi vengono in mente?

Share:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn
On Key

Related Posts

wordpress

Cosa è WordPress e perchè usarlo

WordPress è il content manager -cms- più utilizzato su Internet, uno strumento che permette di gestire tutte le pagine di un sito web o di un blog. Non solo è il più utilizzato dagli sviluppatori, ma anche da professionisti ed aziende che possono creare e gestire il proprio sito con semplicità ed efficienza. WordPress è una piattaforma di editoria

google-web-crawler budget

5 suggerimenti per ottimizzare il tuo crawl budget

Il Google boot e un programma che ogni giorno fa la scansione delle pagine del tuo sito per vedere cosa è cambiato o aggiunto. Google ogni giorno da un castelletto di tempo che ti dedica chiamato crawl budget. Gli esperti di marketing hanno così tante attività diverse da svolgere per l’ottimizzazione del crawl budget di

commenti spam

Bloccare commenti spam WordPress.

Come bloccare i commenti spam su WordPress. Come bloccare i commenti spam per un sito WordPress – Hai mai adottato strategie specifiche per proteggere il tuo sito dallo SPAM? Se ne sei mai stato vittima, sicuramente saprai quanto sono fastidiosi e difficili da gestire commenti ed email indesiderate. Purtroppo i commenti di spam restano un problema

Follow-NoFollow

WordPress: gestire il dofollow e il nofollow dei commenti

doFollow e il nofollow sui vostri articoli Molti blogger, per incoraggiare i propri lettori a commentare, impostano in automatico il dofollow ai commenti. L’attributo dofollow indica agli spider bot che l’URL indicata deve essere seguita e indicizzata, mentre l’attributo nofollow blocca lo spider e gli dice di non seguire l’URL. Poichè molti utenti riportano a

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi