Google Penguin Update: addio keyword stuffing

Attualmente c’è ancora il panico nel business online mentre le diverse aziende SEO stanno ancora cercando di capire esattamente quali effetti il nuovo Penguin avrà sui siti web e come sia possibile contrastare i cambiamenti. Tuttavia, in merito all’argomento, esiste un elenco stilato dallo stesso Google.

Il nuovo Penguin Update, secondo quanto riportato da Google, avrà effetto sui seguenti:

  • Il keyword stuffing;
  • il cloaking;
  • la partecipazione a link schemes.

Tra le azioni sovracitate, la più importante nella nostra attività riguarda il “keyword stuffing”; ci concentreremo su questa, per il momento, considerato che la “procedura” in questione è strettamente connessa alla redazione di contenuti e testi online.

Che cos’è il keyword stuffing?

Facciamo un esempio sul keyword stuffing. Il keyword stuffing si verifica quando nel testo si continua ad usare la stessa keyword, per esempio “keyword stuffing”, così spesso da rendere quasi impossibile la lettura. Avete notato quante volte abbiamo usato la parola chiave “keyword stuffing” in un brevissimo paragrafo in merito al keyword stuffing?

Che cosa posso fare se sono stato penalizzato da Google dopo il rilascio del Penguin dallo Zoo e nel caso in cui pensassi che sono i testi la causa di tale penalità?

Assicurati che i tuoi testi siano scritti in modo adeguato, leggibili da qualsiasi essere umano. Non dai motori di ricerca. Si spera che tu non abbia invaso i tuoi contenuti con una quantità enorme della stessa parola chiave (come da esempio qui sopra), ma, nel caso in cui lo avessi fatto, non ti rimane che riscrivere i tuoi testi in modo tale che siano scorrevoli e di facile comprensione per chiunque. I giorni in cui esagerare con le keywords ha funzionato (e, sì, ha funzionato, in effetti)… sono finiti.

Questo non significa necessariamente che ora sia auspicabile evitare di ricorrere a keyword, metatitle e metadescription. È sufficiente non strafare. Concentrati sulla qualità delle notizie e ricordati di usare le parole chiave dove altamente pertinenti, rilevanti e logiche. Non aver paura di usare pronomi come “egli”, “loro”, “esso”, ecc. E dimentica tutto quello che hai appena letto in questa pagina. I tempi sono cambiati: per scalare la vetta dei motori di ricerca, sarà meglio adeguarsi e stare al passo.

Share:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn

Social Media

Articoli recenti

Ricevi gli ultimi aggiornamenti

Iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Categorie

On Key

Related Posts

wordpress

Cosa è WordPress e perchè usarlo

WordPress è il content manager -cms- più utilizzato su Internet, uno strumento che permette di gestire tutte le pagine di un sito web o di un blog. Non solo è il più utilizzato dagli sviluppatori, ma anche da professionisti ed aziende che possono creare e gestire il proprio sito con semplicità ed efficienza. WordPress è una piattaforma di editoria

google-web-crawler budget

5 suggerimenti per ottimizzare il tuo crawl budget

Il Google boot e un programma che ogni giorno fa la scansione delle pagine del tuo sito per vedere cosa è cambiato o aggiunto. Google ogni giorno da un castelletto di tempo che ti dedica chiamato crawl budget. Gli esperti di marketing hanno così tante attività diverse da svolgere per l’ottimizzazione del crawl budget di

commenti spam

Bloccare commenti spam WordPress.

Come bloccare i commenti spam su WordPress. Come bloccare i commenti spam per un sito WordPress – Hai mai adottato strategie specifiche per proteggere il tuo sito dallo SPAM? Se ne sei mai stato vittima, sicuramente saprai quanto sono fastidiosi e difficili da gestire commenti ed email indesiderate. Purtroppo i commenti di spam restano un problema

Follow-NoFollow

WordPress: gestire il dofollow e il nofollow dei commenti

doFollow e il nofollow sui vostri articoli Molti blogger, per incoraggiare i propri lettori a commentare, impostano in automatico il dofollow ai commenti. L’attributo dofollow indica agli spider bot che l’URL indicata deve essere seguita e indicizzata, mentre l’attributo nofollow blocca lo spider e gli dice di non seguire l’URL. Poichè molti utenti riportano a

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi