Google Penguin Update – Cosa cambia nei testi web?

Di recente, Google ci ha offerto un altro viaggio allo Zoo. Come d’abitudine, infatti, il nuovo aggiornamento riguardante l’algoritmo prende il nome da un animale.

Lo scorso anno abbiamo avuto a che fare con il Panda Update che ha variato gli algoritmi di Google in modo da penalizzarei siti colmi di archivi di articoli scritti unicamente per generare traffico, spesso e volentieri frutto di manipolazioni, zeppi di backlink verso siti da promuovere.

Google Penguin Update, rilasciato il 24 aprile 2012, si rende portatore di ulteriori e ingenti cambiamenti nell’algoritmo che determina la modalità di ranking per quanto concerne i testi per siti web e nel modo di valutare la rilevanza dei contenuti stessi; per quanto stimato, l’algoritmo dovrebbe colpire il 3,1{f65b91b3f952d0ae9e43e8717700cad759d5a4f7e272516088bb539c87495aae} delle “queries” in inglese e il 3{f65b91b3f952d0ae9e43e8717700cad759d5a4f7e272516088bb539c87495aae} di quelle in altre lingue come tedesco, arabo e cinese.

Quanto appena descritto rappresenta un grande cambiamento nel settore in cui TestiSeo si posiziona; tenendoci costantemente informati, possiamo garantire ai nostri clienti il miglior servizio redazione testi. Nonostante il cambiamento delle poliche, il nostro approccio al metodo di lavoro cambia poco: abbiamo sempre creduto, e continuamo a credere, che informazioni di qualità e ben scritte siano alla base del miglior contenuto possibile, quello che intendiamo offrire sia ai visitatori del tuo sito, sia a Google. E, fortunatamente, possiamo portare a supporto delle nostre idee fatti tangibili, ovvero un miglioramento dei nostri ranking in seguito al rilascio dell’aggiornamento. Un “hurrà” per noi e per i nostri clienti!

Share:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn
On Key

Related Posts

google-web-crawler budget

5 suggerimenti per ottimizzare il tuo crawl budget

Il Google boot e un programma che ogni giorno fa la scansione delle pagine del tuo sito per vedere cosa è cambiato o aggiunto. Google ogni giorno da un castelletto di tempo che ti dedica chiamato crawl budget. Gli esperti di marketing hanno così tante attività diverse da svolgere per l’ottimizzazione del crawl budget di

commenti spam

Bloccare commenti spam WordPress.

Come bloccare i commenti spam su WordPress. Come bloccare i commenti spam per un sito WordPress – Hai mai adottato strategie specifiche per proteggere il tuo sito dallo SPAM? Se ne sei mai stato vittima, sicuramente saprai quanto sono fastidiosi e difficili da gestire commenti ed email indesiderate. Purtroppo i commenti di spam restano un problema

Follow-NoFollow

WordPress: gestire il dofollow e il nofollow dei commenti

doFollow e il nofollow sui vostri articoli Molti blogger, per incoraggiare i propri lettori a commentare, impostano in automatico il dofollow ai commenti. L’attributo dofollow indica agli spider bot che l’URL indicata deve essere seguita e indicizzata, mentre l’attributo nofollow blocca lo spider e gli dice di non seguire l’URL. Poichè molti utenti riportano a

Google Penguin Update – Cosa cambia nei testi web?

Di recente, Google ci ha offerto un altro viaggio allo Zoo. Come d’abitudine, infatti, il nuovo aggiornamento riguardante l’algoritmo prende il nome da un animale. Lo scorso anno abbiamo avuto a che fare con il Panda Update che ha variato gli algoritmi di Google in modo da penalizzarei siti colmi di archivi di articoli scritti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi